Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for agosto 2011

Devo rifare il guardaroba. No, non il mio, anche se ne avrebbe un gran bisogno, no, devo rifare il guardaroba alla cucina.

Perché chi non mi conosce bene, pensa che io oltre ad essere una cuoca provetta (ahah, grande bugia!!!), abbia anche una cucina perfetta dotata di tutti quegli strumenti moderni che vanno così di moda di questi tempi.

Niente di più sbagliato.

Se aprite le antine (datate pure quelle!!) ci troverete pentole antidiluviane, tortiere ammaccate, mestoli sbeccati. Di kitchen aid, planetarie, termometri, abbattitori, gelatiere nemmeno l’ombra.

Ora finchè pasticcio da sola, mi arrabatto con quello che ho e nessun problema, ma quando viene qualcuno, (come ad esempio  una vera insegnante a domicilio per una vera lezione di cucina che Elena, Mary e Monica mi hanno regalato qualche settimana fa e della quale vi parlerò prossimamente…) mi assale un leggero senso di vergogna che si trasforma in un batter d’occhio in una sensazione davvero sgradevole.

Allora voglio rimediare velocemente e per questo è già sono elettrizzata………, ma prima del grande shopping, vi propongo un piatto unico, cucinato (ma guarda un po’ che caso…!!) nella mia pentola preferita:senza manici………!!! chiaramente…….

Ma è l’ultima volta, lo prometto, davvero!!!

 

INGREDIENTI

 

300 gr. riso basmati integrale rosso e nero

3 carote grattugiate

200 gr. salmone fresco a fettine

200 gr. code gamberi lessate

200 gr. piselli freschi

Olio evo

Sale, pepe, menta, basilico, timo, limone, zenzero fresco grattugiato

 

Mettere a bollire dell’acqua in una pentola capiente (se ha i manici meglio!), aggiungere un mazzetto di basilico e il riso lasciandoli cuocere per 30/35 minuti. Salare solo 10 minuti prima di fine cottura.

Intanto marinare il salmone versando in una ciotola olio extra vergine d’oliva, timo, limone, sale e pepe e lasciar riposare.

Lessare le code di gambero in acqua salata per un paio di minuti massimo.

Cuocere i piselli in due dita di brodo vegetale con dello scalogno.

Pronto il riso, aggiungere tutti gli ingredienti con le carote tagliate a julienne, il sale, il pepe, la menta spezzettata e una spolverata di zenzero grattugiato.

Annunci

Read Full Post »

Approfitto del basilico finchè ce n’è e poi con questo caldo più lontani stiamo da forno e fornelli, meglio è…… 

 

INGREDIENTI

Per 8 bicchierini circa

400 gr ricotta fresca

1 mazzetto di basilico

10 pomodori perino

4 cucchiai di panna fresca

1 cucchiaio mandorle tostate e tritate

1 cucchiaio origano

sale e pepe

olio evo

Tuffare 5 pomodorini in acqua bollente per un minuto, raffreddarli in acqua fredda e pelarli. Privarli dei semini, ridurli in una piccola dadolata e lasciarli scolare per una decina di minuti. Con i pomodori restanti preparare una passata, sempre eliminando i semi. Aggiungere la dadolata, l’origano e condire a piacimento.

Preparare una crema con 200 grammi di ricotta, un paio di cucchiai di panna fresca e le mandorle tritate.   La ricotta rimasta frullatela con il basilico e due cucchiai di panna per ammorbidirla. Aggiustate di pepe e sale.

Versare le creme nei bicchierini, decorate con una foglia di basilico e lasciate riposare in frigo fino al momento di servire.

Read Full Post »

Holidays

Non c’è molto da dire su queste immagini.

Se non che siamo scappate per qualche giorno per
nasconderci in questo paradiso.

Acqua cristallina contrapposta ad un cielo
azzurrissimo.

Sabbia fine, bianca, come farina, piacevole al tatto e
per nulla fastidiosa.

Ipod nelle orecchie alternato a lunghi silenzi sempre
ad occhi chiusi ignorando le code degli aerei che disegnano nel cielo mille
intrecci.

Senza vincoli, senza orari, la regola è nessuna regola.

Grandi respiri e libertà.

Di fare tutto, di fare niente.

Goduto ogni istante, dall’inizio alla fine.

Grazie Carlotta, alla prossima!

Read Full Post »

La lavanda. E’ una delle piante che preferisco, forse
proprio la preferita, e i motivi sono tanti, un po’ perché adoro il suo colore,
un po’ per la forma della sua spiga, per il profumo che mi lascia sulla dita
quando la sfioro e che invece non sopporto una volta trasformata in essenza,
saponi vari, sacchettini profuma biancheria.

La prima volta che ho visitato la Provenza, sono
rimasta incantata di fronte a quei campi viola, tutti in fiore, macchie di
colore sotto un cielo blu, dalle sfumature così simili eppure così diverse,
pervinca, rosata, porpora e magenta. E’ stato un continuo accostare la macchina
ai bordi dei campi e delle radure per imprimere al meglio nella mente le
differenze di quel mare viola.

E potevo non averne almeno una piantina in giardino per
continuare questo sogno ????Un paio di mesi fa addirittura ho passato un sabato
tra colorifici vari per tornarmene a casa con un vaso di pittura da esterni color
malva, un pennello, guanti, tutto l’occorrente per dipingere i vasi della
lavanda color lavanda!!!  Ohh,
bellisssssimi!! Peccato che essendo negata nel giardinaggio (questo già lo
sapete), queste adorate piantine siano ancora indecise se fiorire quest’anno o
chissà quando. La sera torno a casa, ci parlo, le sfioro, le bagno, le nutro e
queste antipatiche si rifiutano di farsi vedere!!!!

Allora, la scorsa settimana mi sono stufata, e ho
rubato un paio di rametti alla vicina (il suo cespuglio per farmi un dispetto
cresce ben oltre alla ringhiera, screanzato!!!), messi a seccare per qualche
giorno et voilà per ricordare il profumo della route de la lavande, una
cartolina dolce e profumata…….

 

INGREDIENTI

Per la base:

100 gr zucchero

110 gr burro morbido

80 gr farina 00

2 uova

1 cucchiaino lievito

3/4 pesche gialle
1 stecca vaniglia

1/2 cucchiano fiori lavanda essicati

 

Per il crumble:

50 gr farina mandorle

50 gr mandorle spellate

85 gr farina 00

60 gr burro freddo a dadini

60 gr zucchero canna

Per il crumble: tostare le mandorle in una padellina e
una volta raffreddate tagliarle grossolanamente con il coltello. In una ciotola
versare la farina, la farina di mandorle, lo zucchero scuro, le mandorle
tritate e il burro freddo a dadini ed impastare velocemente fino ad ottenere un
impasto sbricioloso. Riporre in frigo al fresco.

Per la base: lavorare in una ciotola il burro morbido
con lo zucchero, aggiungere le uova una alla volta e poi la farina setacciata
con il lievito e i semini di vaniglia.

Versare il composto in uno stampo imburrato e
infarinato da 18 cm (almeno lo uso dopo averlo tanto cercato!!!) livellandolo
bene. Sbucciare le pesche, tagliarle a fette ed appoggiarle sulla superficie
del dolce. Cospargere con i fiori di lavanda e terminare con uno strato di
crumble in modo da ricoprire il tutto.

Cuocere in forno già caldo a 170° per 40/50 minuti
circa. Lasciar raffreddare e servire.

Read Full Post »